domenica 26 febbraio 2012

Comfortable but Chic

 

Eccovi una nuova proposta, all'insegna del "Comfortable but Chic".
In questi giorni fa un pò caldino, ma le folate di aria fredda sono in agguato.
Perciò ho deciso di indossare un bel dolcevita pesante, accompagnato da un cappotto leggero, tenuto aperto. Questo, che mi piace particolarmente, è di Asos. Lo trovo molto versatile, va bene sia per look casual che eleganti, lo sfrutto davvero tanto!
E, dal momento che sono un tipino che adora camminare (soprattutto tra vetrine), per me sono irrinunciabili, in questa stagione, un bel paio di Ugg (o simili).
Molti non li sopportano, ma io sono dell'idea che, malgrado ricordino delle maxi pantofole, se bene abbinati, anche loro valorizzino certi looks.
Ammettiamolo, sono troppo comodi!
Per affrontare fredde e frenetiche giornate sono perfetti; da evitare invece, la sera. Allora si che andremmo incontro all'effetto "desperate housewives".


Un altro dei miei Comfortable Musts è la maxi bag di Fendi. Comodissima, non potrei sopravvivere senza, mi permette di portare praticamente di tutto, per non farsi mai cogliere impreparati da imprevisti fashion (e non).
Va da sè che borse di questo genere sono belle se usate di giorno, mentre diventerebbero terribili per la sera!
Di sera meglio diminuire i centimetri della borsa ed aggiungerli ai piedi!

Allora, cosa ne pensate?
Aspettiamo con ansia i vostri commenti! Nel frattempo vi schiocchiamo un grosso bacione, al prossimo post!
 S.


Here is a new proposal "Comfortable but Chic".
In these days is a little hotter, but the gusts of cold air are lurking.
So I decided to wear a turtleneck, paired with a light coat kept open. This, that I particularly like, is Asos's.
I find it very versatile and is good for casual and elegant look; I exploit it so much!
And, since I am a type which loves to walk (especially among shop windows), this season is essential for me a pair of Ugg boots (or similar).
Many do not endure them, but I think that if they are properly combined, they also valorize certain looks.
Let's face it, they are too comfortable!
To face cold and frenetic days, they are perfect; but do not wear them in the evening. So we will obtain the "Desperate Housewives" effect.

Another one of my Comfortable Musts is the maxi bag by Fendi. It is very comfortable, I could not live without, I can bring with me everything, to never to be caught unprepared by fashion (or not) unexpected events.

So, what do you think?
We look forward to your comments! In the meanwhile a big kiss, to the next post!
S.

 











Asos coat
My mum sweater
Zara pants
Ugg Australia boots
Fendi maxi bag

giovedì 23 febbraio 2012

Little Black Dress



  "E' l’incarnazione del potere femminile, crudo, schietto e dritto al punto”
Alexander McQueen 

 "E’ una cosa da niente che può cambiare tutto".
Ludot


LBD, questa la sigla dell'eleganza. Niente di più.
E' infatti il capo senza tempo per eccellenza, un'icona intramontabile, che occupa un posto speciale nell'animo di ogni amante della moda.

Divenuto quasi oggetto di culto, incarna l'essenza del lusso, inteso come sobrietà ed eleganza, all'opposto della volgarità. 
E non poteva essere altrimenti, visto che ad idearlo, per la prima volta, fu proprio Madame Gabrielle (Coco) Chanel, nel 1926.
L'occasione fu il funerale del suo amato Etienne Balsan, e fu da essa battezzato col nome francese Robe Noir (piccolo nero).
Fortunatamente il tubino nero non rimane legato ad un così triste evento, ma iniziò ad essere indossato dalle donne per ben altre occasioni, fino alla consacrazione: Audrey Hepburn scelse di indossarlo nel film Colazione da Tiffany, nel 1961.



Il tubino nero da lei indossato era un modello di Givenchy, venduto all’asta un anno fa a Londra da Christie’s per ben 410 mila sterline.
Chi non ha in mente la scena iniziale del film che ha fatto sognare tutti noi,  quando Holly Golightly passeggia all’alba per Manhattan e, con una busta di carta in una mano e un croissant nell’altra, arrivando davanti a Tiffany, si sofferma a sbirciare la vetrina con aria sognante e pensierosa!



“Era una tiepida serata  quasi estiva, e lei indossava un esile, fresco abito nero, sandali neri, un filo di perle” 
 TRUMAN CAPOTE, Colazione da Tifffany (1958)

Un abito dunque, che nei suoi 83 anni di vita, ha dettato e detta ancora oggi le regole di un'elegnaza inossidabile, di un allure inconfondibile.
Sfruttato, rivisitato, rielaborato da tutti gli stilisti, ce ne sono tantissime versioni e tantissime varianti. Segno dell'estrema versatilità di un capo che, nella sua minimale semplicità, ha il potere di cambiare completamente da un look all'altro, per il giorno o per la sera, all'insegna di un innato camaleontismo.
Un potenziale illimitato, che lascia a noi il piacere di accostamenti ed abbinamenti sempre nuovi, ma con la rara certezza di non sbagliare mai.

Un altro dei tanti miracoli di Mademoiselle Coco.
S.G.















martedì 21 febbraio 2012

Last days of Snow


Eccoci arrivati agli ultimi giorni di neve (e di freddo).
Prima di voltare definitivamente le spalle all'inverno, ed agli outfits a lui connessi, e prima di abbracciare euforicamente le tendenze primaverili, ecco un ultimo spunto per un look invernale ed a prova di neve!
Per quelle che magari stanno per partire per un'ultima settimana bianca.
E' un look semplice, pratico, adatto ad una serata in montagna, da trascorrere nei rifugi sorseggiando vin brulè (o cioccolate calde).
Minimale, nero e bianco. Il pezzo forte? Beh, il maglione di paillettes (assolutamente da usare anche in città) abbinato ad una vistosa maxi-collana. Immancabili i moon boot! Visto che si tratta di un look da sera, ho osato un tocco di rossetto rosso Chanel.
Ovviamente, per uscire, obbligo di giacca pesante! Che ne pensate?
Un bacio, alla prossima!
Sam


Here we are at the last days of snow (and cold).
Before finally leave the winter, and outfits connected with him, and before taking spring trends, here is a last idea for a winter snow-proof look!
It is a simple, practical look, suitable for a night on mountain.







H&M sweater with sequins
Coin necklace
Zara black pants
Moon Boots

sabato 11 febbraio 2012

Dreams of Valentine's Day

Romance at Golf Course by Marta Soul


Per le romantiche, per le sognatrici, per quelle che credono ancora nell'amore.
Ecco alcuni spunti o, meglio, alcuni scatti, per poter sognare ad occhi aperti, in attesa che il nostro sogno d'amore si realizzi. 
Una collezione di tredici "fantasie d'amore", da sfruttare come esempio se siamo in coppia, immortalate dalla fotografa Marta Soul per Io Donna, periodico e sito web di RCS Mediagroup.
Immagini limpide e fresche, ricche di colore, tutte con un unico soggetto: il bacio.
Baci declinati in tante situazioni diverse, ma che sprigionano in egual misura un caldo sentimento d'amore e trasporto, facendoci respirare l'atmosfera di una favola, una favola moderna. E infatti ogni immagine è correlata da brevi storie a tema, firmate appositamente per il periodico, da sei scrittori: Cinzia Tani, Letizia Muratori, Paola Capriolo, Barbara Alberti, Stenio Solinas, Alessandro D’Avenia.
Impossibile astenersi dal fantasticare.
Per leggere l'articolo completo e le storie affiancate alle immagini, fate click QUI.
Sei baci con racconto d'autore.