giovedì 31 maggio 2012

Castaner,The Espadrillas Myth

Isabel Castaner



Sono un accessorio fondamentale per l'estate, di cui non posso proprio fare a meno.
Un evergreen di comodità.
Di cosa sto parlando?
Ma delle famosissime  espadrillas, naturalmente!

Le espadrillas nascono tra i pescatori della Spagna Occidentale e dei Paesi Baschi.
Qui due secoli fa, si intreccia in corda lo "sparto", una fibra naturale, per farne suole di agili calzature in tela. Da allora le portano proprio tutti, anche intellettuali come Salvador Dalì e lo scrittore Bioy Casares.
A Girona, da sette generazioni, i Castaner fabbricano espadrilles.
Ma l’incontro fatale avvenne negli anni '70, quando Isabel Castaner conobbe il grande Yves Saint Laurent.
Da allora le espadrillas, le scarpe povere che piacciono agli intellettuali, si ritrovano a Parigi in passerella. Grazie all'idea di Isabel Castaner: trasformare un classico popolare in un Fashion Kult.
Ogni stagione Castaner reinventa le espadrillas, proponendo zeppe vertiginose, tessuti fluo e patchwork; per un'estate all'insegna del colore e della comodità. 




They are an essential accessory for the summer, which I can not do without.
An evergreen of comfort.
What am I talking about?
But of the famous espadrillas, of course!


The espadrilles are born among the fishermen of Western Spain and the Basque Countries.
Here two centuries ago, to make soles for shoes in canvas, was interwoven the"Esparto", a natural fiber. Since then everybody wear them, intellectuals too like Salvador Dali or writer like Bioy Casares.
In Girona, for seven generations, the Castaner manufacture espadrillas.
But the fatal encounter occurred in the '70s, when Isabel Castaner met the great Yves Saint Laurent.
Since then, the espadrillas shoes, liked by intellectuals, we find them on the catwalk in Paris.
Thanks to the idea of Isabel Castaner: transform a popular classic in a Fashion Kult.Every season Castaner reinvents the espadrillas, offering vertiginous wedges, fluorescent textiles and patchwork; for a summer full of color and comfort.

14 commenti:

  1. Ho preso le classiche! Beige... le amo :)


    www.vanillaandsoap.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah a chi lo dici! Io ne ho praticamente una collezione, tra alte e basse, annodate alla caviglia...

      Elimina
  2. MI sono sempre piaciute, erano le scarpe che da bimba rubavo a mia madre per fare finta di camminare sui tacchi... Erano blu! Magari le riprenderò :)
    Se ti va ti aspetto sul blog, baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah anche io!!!! Quelle di mia mamma erano in pizzo, con un nastro che si annodava alla caviglia... che bei ricordi... Da allora per me sono irrinunciabili!
      Un perfetto compromesso tra comodità e femminilità.

      Elimina
  3. Io prendevo quelle rasoterra, che bei ricordi ;)))

    www.lostinunderwear.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. quest'anno non me le faccio sfuggire!!!sarà sicuramente uno dei prossimi acquisti!!le adoro:-)
    nuovo post sul mio blog, se ti va ti aspetto!!

    http://giulietta-fashiononstage.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. Hi!
    Join my birthday giveaway --> CLICK HERE. Open to international readers, anywhere in the world! :)

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. che bei ricordi legati a queste scarpe...da piccola mia madre mi comprava quelle basse, e da grandicella avevo quelle legate alla caviglia con motivi floreali...

    RispondiElimina
  8. Io le ho con la zeppa blu notte e quest'anno me le sono concesse basse basse a fiorellini. Le ho rivalutate tanto, con un pantalone o jeans stretto alla caviglia stanno proprio bene!

    RispondiElimina
  9. Molto carine davvero :)
    come visit my blog and read my last post!
    give me ur opinion dear :)
    http://elenellis.blogspot.it/

    RispondiElimina